La definizione tecnica di “Heads Crash”, descrive il contatto tra testine e dischi magnetici di un Hard Disk. Questo evento è certamente uno tra i più distruttivi che possa capitare. La gravità dell’Heads Crash dipende principalmente dalla posizione in cui è avvenuto e dalla sua entità. 
Posizione dell’Heads Crash

  • Heads Crash in Systema Area (SA)
  • Heads Cash in Area Dati (AD)

Per semplicità, poniamo il caso di un Hard Disk composto da due testine e un disco. Ogni testina (H0 e H1) legge/scrive la relativa superficie del disco :

All’avvio del disco rigido, le testine andranno a leggere la SA per caricare determinati moduli software necessari per il corretto funzionamento (Operazione simile all’avvio di un computer quando carica il Bios. Fase di Post).  La SA è formata da una serie di settori fisici, generati in fase di produzione del disco rigido e non accessibili all’utente.  Sono presenti moduli vitali, unici per ogni disco rigido anche se dello stesso  costruttore e modello, e moduli meno importanti.  Se l’Heads Crash ha coinvolto zone della SA che contengono moduli vitali, sarà indispensabile (se possibile) ricostruirli per ottenere di conseguenza accesso all’area dati. Nel caso in cui l’Head Crash non ha coinvolto la SA, ma solo la DA, sarà possibile accedere all’area dati e, a seconda dell’entità  dell’Heads Crash, sarà possibile recuperare completamente o in parte i dati dell’utente, ad esclusione dei casi in cui si verifichi l’asportazione del substrato magnetico.

Entità dell’Heads Crash

  • Microscopico
  • Macroscopico

Nel primo caso il contatto tra testine e disco, non è visibile a occhio nudo e comporta solo piccoli danni fisici nella SA e/o nella AD, che si traducono nella corruzione di uno o più moduli della SA e/o in settori non leggibile della AD. Nel secondo caso il contatto tra testine e disco è visibile ad occhio nudo e può essere limitato o esteso. Se limitato alla AD in alcuni casi sarà possibile recuperare almeno in parte i dati, mentre se esteso i dati non potranno essere recuperati in alcun modo.

Heads Crash Microscopico

Heads Crash Macroscopico

Heads Crash Macroscopico con asportazione substrato magnetico

Leggende del Heads Crash

Cercando in Internet, si possono trovare molte “leggende” in merito al Heads Crash.

  • Microscopi a scansione atomica o nucleare
  • Tecniche fantascientifiche probabilmente di origine Extraterrestre
  • Miracolosi filler (sostanza per riempire e riparare l’heads crash) nanotecnologici

Sono per l’appunto solo leggende. La realtà è ben altra; L’Heads Crash è uno tra i più gravi eventi che possono verificarsi e, la possibilità di poter recuperare o meno i dati, dipende esclusivamente da quanto abbiamo sopra descritto. Consigliamo vivamente di diffidare di chi afferma di avere tecniche miracolose per tali casi.

Una domanda. Secondo Voi è possibile recuperare i dati da un disco rigido nelle condizioni di quello riportato di seguito ?

Incredibile ma vero c’è anche chi afferma che sia possibile.  Meditate gente !